L’ordine naturale delle cose

“L’ordine è la virtù dei mediocri.”

William Shakespeare

(Nella foto, Escher, Ordine e caos, 1950)

Diede a quella donna cento euro. Se li era meritati. Non solo per la prestazione in sé, sicuramente da non sottovalutare, ma soprattutto perché non passiva, non indifferente, non senza partecipazione. Al contrario, pur nella piena consapevolezza che il compito da svolgere fosse non spontaneo ma legato ad un contratto di fornitura, un do ut des, l’impegno c’era stato, senza lesinare in dolcezza, tempo e cura. Certo, si potrebbe dire che la motivazione di fondo non fosse affetto, desiderio o generosità, ma calcolo e forse investimento per il futuro, operazione orientata alla fidelizzazione, al lungo periodo, alla capitalizzazione piuttosto che al ritorno immediato, del tipo meglio un uovo oggi che una gallina domani. Ma almeno il dubbio poteva esserci, il dubbio che comunque un po’ di spontaneità ci fosse, un po’ di partecipazione, di affetto. Almeno lui pensava che queste componenti ci fossero state, era questa la sensazione che ne aveva ricavato, a torto o ragione. Magari aveva travisato il tutto e nella sua inesperienza, ingenuità ed eccitazione aveva creduto di essere oggetto di un trattamento particolare, privilegiato. Aveva apprezzato l’assenza assoluta di fretta, la calma, la disponibilità a dare tempo al tempo, senza forzare, incalzare, affrettare l’epilogo inevitabile, evitando nel contempo che un automatismo e una banale meccanizzazione della cosa rendesse vano il tentativo.

(…)

Il racconto è integralmente incluso nel libro IL LABIRINTO, pubblicato ad aprile 2020.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.